Gli esperti avvertono come il gruppo abbia preso piede nella città orientale di Derna, storica roccaforte jihadista, sfruttando il caos che ha travolto lo Stato nordafricano.

(di Redazione) Il gruppo dello Stato islamico, dopo aver conquistato una grossa porzione di Iraq e Siria, avrebbe istituito campi di addestramento in Libia orientale che sarebbero ora sotto stretto monitoraggio dell’esercito statunitense. Lo ha dichiarato ieri David Rodriguez, generale degli Stati Uniti e capo dello US Africa Command.

I Paesi occidentali sono sempre più preoccupati che il tumulto politico tra i maggiori clan della Libia possano fornire un terreno fertile per gli estremisti islamici, ma il Generale ha escluso un’azione militare contro i campi nel futuro immediato. Rodriguez ha infatti descritto l’attività dello Stato Islamico in Cirenaica come “molto piccola e appena istituita”.

“Circa un paio di centinaia di militanti di Baghdadi sono presenti in questi campi d’addestramento con le forze statunitensi che continuano a monitorare la zona per capire se la presenza è piu’ ampia”, ha dichiarato il generale Rodriguez.

Gli Stati Uniti conducono una guerra aerea contro il gruppo sia in Iraq che in Siria, ma alla domanda se i campi di addestramento in Libia fossero un potenziale bersaglio per le forze americane, Rodriguez ha risposto:”No, non adesso. Lo Stato Islamico ha iniziato la sua penetrazione in Cirenaica per introdurre alcune persone laggiù,”

Il generale a quattro stelle ha poi specificato come i militanti IS in Libia non siano volontari provenienti da fuori del paese ma membri di milizie locali che hanno spostato la loro lealtà al gruppo jihadista. Gli esperti hanno comunque avvertito che il gruppo è ha preso piede nella città orientale di Derna, storica roccaforte jihadista, sfruttando il caos che ha travolto lo Stato nordafricano.

(di Redazione) Il gruppo dello Stato islamico, dopo aver conquistato una grossa porzione di Iraq e Siria, avrebbe istituito campi di addestramento in Libia orientale che sarebbero ora sotto stretto monitoraggio dell’esercito statunitense.