La portaerei transalpina “Charles de Gaulle” è pronta ad essere utilizzata per sostenere le operazioni militari contro lo Stato islamico in Iraq

(di Nino Orto) La portaerei transalpina “Charles de Gaulle è pronta ad essere utilizzata per sostenere le operazioni militari contro lo Stato islamico in Iraq. A riferirlo ieri è stato il presidente francese Francois Hollande.

“Grazie alla Charles de Gaulle avrem una preziosa opera di  intelligence“, ha dichiarato il Presidente, riferendosi all’utilizzo della nave da guerra tutto il quadrante al largo della costa sud della Francia nel Mediterraneo. Possiamo anche effettuare operazioni in Iraq, se necessario, con ancora più intensità e più efficienza. La portaerei lavorerà in stretta collaborazione con le forze della coalizione internazionale

La Francia è stato il primo paese ad aderire alla coalizione guidata dagli Stati Uniti negli attacchi aerei in Iraq contro i ribelli islamici di IS, che hanno anche preso il controllo di gran parte della vicina Siria nel corso degli ultimi due anni di guerra civile. Tuttavia, è escluso che la portaerei possa essere utilizzata anche per colpire il gruppo in Siria.

La nave imbarca circa 800 militari, nove aerei da combattimento, un aereo da pattugliamento marittimo e un aereo rifornimento con base negli Emirati Arabi Uniti come parte della sua missione Chammal” in Iraq, così come una nave da guerra anti-aerea nel Golfo e sei Mirage Fighter Jets dalla Giordania.

La Francia ha anche più di 3.000 soldati che effettuano operazioni anti-guerriglia contro i militanti legati ad al Qaeda nella regione del SahelSahara. Parigi negli ultimi mesi ha infatti esortato le nazioni africane a rafforzare la cooperazione transfrontaliera per affrontare le sfide alla sicurezza poste dai gruppi islamici nel sud della Libia e in Mali, nonchè per gli attacchi di Boko Haram in Nigeria.

(di Nino Orto) La portaerei transalpina “Charles de Gaulle” è pronta ad essere utilizzata per sostenere le operazioni militari contro lo Stato islamico in Iraq. A riferirlo ieri è stato il presidente francese Francois Hollande.